3 thoughts on “Il Vincitore dell’Elezioni? – Non nel mio nome!”

  1. Bravo, Fra Alexis!! Ben detto. Purtroppo, gli Italiani che si sono fugiti dall’italia, si sono inseriti altrove senza saperne in che sistema si sono sinceriti. Volevano, almeno ne molti, di essere buoni Americani, per esempio. Ed anche, molti, almeno quelli della prima fala degli emmigranti, non potevano sentirsi italiani perché i masoni generava un nuovo stato. Molti degli emigranti non parlavano il fiorentino. Allora,l’ Italia di oggi di cui parli non esisteva nella memoria degli emigranti. Per loro c’era il paese ed la regione. Secondo me, il problema principale di oggi rimane lo stesso, il cosiddetto “questione della lingua.” L’unica differenza essendo la lingua cattolica o la lingua marxista. Può essere un partito politico per italiani che parla la lingua Cattolica? Speriamo di si. Con il Rosario, dice la Madonna, non ci sia problema che non possa essere risolto. Allora, difficile immaginare qualsiasi partito italiano di successo senza un forte componente Mariano perché, secondo me, solo in Lei gli italiani o qualsiasi popolo, può trovare l’unità necessaria per fare la forza che ci vuole per conquistare sia i propri difetti che quelli dell’enemico. Grazie per il tuo lavoro. Che cresca, agisca, ed abbia successo in modo rapido!!!

    1. You have been mislead. Melone is very good at aping values Christians would support, but that is all it is, aping. She will grovel to be PM, and if they permit her it will be on the condition that she supports the left.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.