Tra Pachamama e Santeria: le “relazioni pericolose” della chiesa di Bergoglio

LIBEROQUOTIDIANO.IT

di Andrea Cionci

Bergoglio beatifica il beniamino della stregoneria latinoamericana e l’Associazione Italiana Esorcisti lancia l’allarme. L’episodio si inserisce in una lunga e inquietante catena di “relazioni pericolose” della neo-chiesa bergogliana con culti esotici e pagani, instaurate nel solco della cosiddetta “inculturazione”. Con essa si intende la pratica di annunciare il Vangelo a popolazioni indigene rispettando, nei limiti del possibile, le loro usanze e la loro mentalità. Solo che, come spesso accade in vari contesti, al giorno d’oggi, un conto sono le buone maniere, un conto l’appronarsi snaturando  ciò che si vuole proporre. Ma andiamo con ordine.

Di circa tre settimane fa, la notizia della prossima beatificazione di un grande medico venezuelano, il Venerabile José Gregorio Hernández Cisneros che mise a disposizione della povera gente la sua medicina, alla stregua dei santi Giuseppe Moscati o Riccardo Pampuri.

Il problema enorme è che di questo personaggio si è appropriata, da lungo tempo, la “Santeria”, una forma di stregoneria molto diffusa in Sudamerica, che richiede il sacrificio di animali, “donazioni dell’anima” e, in casi estremi, perfino mutilazioni umane.

Continuare a leggere >>